Project Description

Egadi

arcipelago delle EGADI

” sutta lu celu e la luna, nun c’è firmizza alcuna ” (anonimo)

Introduzione: Uno dei primi nostri trekking sulle Isole è stato proprio questo delle Egadi. Avviato già nel 2002 è quello che si avvicina di più allo Spirito e Filosofia dell’Ospitalità Diffusa, da noi intrapresa in Aspromonte coinvolgendo la Comunità locale nella ricettività ed accoglienza degli escursionisti. Anche alle Egadi e soprattutto a Marettimo l’alloggio è previsto nelle case degli abitanti, che per lo più sono pescatori. Si tratta di appartamenti confortevoli che da tempo sono stati adibiti all’accoglienza dei turisti che cosi “diventano”, fin da subito, parte integrante di una comunita’ semplice, viva e accogliente.

l’arcipelago delle Egadi è l’ultimo lembo della Sicilia Occidentale, a poche miglia da Trapani ed ai confini con l’Africa. Le isole di Favignana, Levanzo e Marettimo sono di grande interesse archeologico, etnico e naturalistico. La popolazione complessiva, di oltre cinquemila unità, risiede prevalentemente nella maggiore delle isole che è Favignana (4.300 residenti), ma nei mesi estivi la popolazione aumenta per le numerose presenze turistiche. Le isole di Marettimo e Levanzo sono, a nostro avviso, infatti godibili nei mesi primaverili fino a giugno e dopo da Settembre in poi.. Favignana e Levanzo sono costituite da piattaforme quaternarie di calcare e in tempi remoti erano unite alla Sicilia. Marettimo si è separata dalla zona continentale all’inizio dell’Era Quaternaria ed ha goduto della propria insularità prima di Favignana e Levanzo. Marettimo è un’isola dolomitica che raggiunge i 686 mt. s.l.m., ha 19 km di costa ricca di grotte, cale e scogliere, senza strade, ma dotata di numerosi itinerari escursionistici molto panoramici e ben conservati dall’opera encomiabile degli operai forestali, che rappresentano nell’isola una preziosa risorsa economica, insieme alla pesca ed al turismo.

Si cammina a Marettimo, Levanzo e Favignana tra splendida e rigogliosa macchia mediterranea, calette, panorami mozzafiato, mufloni e tonnare. Tutte le escursioni previste a Marettimo si concludono sul mare e il rientro è previsto in motonave. Si avrà modo così di godere dello spettacolo offerto dalle falesie e strapiombi di bianco calcare dolomitico e dalle grotte di cui l’Isola ne è ricca.

“Luoghi magici dove i miei pensieri si sono fusi con la bellezza della natura” -(Lucia – trek Settembre 2015)

Arrivo e partenza: Aeroporto internazionale di Palermo o Trapani.

Numero partecipanti: minimo 07 / massimo 40

Ore di cammino: dalla 4 alle 6 ore al giorno. Si cammina tutti i giorni con zaino leggero.

Cosa portare: scarponi da trekking, zainetto per le escursioni giornaliere, costume da bagno e il necessario per eventuali bagni al mare, borraccia, mantella per la pioggia.

Durata del Trekking: 8 giorni / 7 notti.

Periodo: da Marzo a Giugno; da fine Agosto a Ottobre e a Capodanno. Da non perdere la varietà delle fioriture primaverili! Nei mesi più caldi (fino ad ottobre) possibilità di fare il bagno, raggiungendo le numerose calette tramite l’utilizzo di una motonave privata a disposizione del gruppo.

Soggiorno: case dell’Ospitalità Diffusa a Marettimo e albergo a conduzione familiare a Favignana.

Vitto: cene a base di prodotti tipici e pesce fresco, pranzi su motonave, una grigliata, pranzi al sacco a cura dell’organizzazione.

Note: a richiesta visite al centro storico di Erice o all’area archeologica di Segesta e alle Saline di Trapani. E’ anche possibile apportare delle modifiche al programma per dedicare una o più giornate per escursioni alla “Riserva dello Zingaro”.

Contattateci per richiedere il programma dettagliato e/o personalizzato: info@naturaliterweb.it

PRENOTA IL TUO ITINERARIO

Eolie

ISOLE EOLIE: “sulla rotta di Ulisse”

“dove il vento suona”

Introduzione: Abbiamo iniziato a proporre questo trekking nel 1998. Un viaggio tra Le meravigliose 7 sorelle del mediterraneo: da Lipari a Vulcano, da Salina allo Stromboli, passando da Panarea, da Alicudi a Filicudi. Diversi sono i trekking che organizziamo ogni anno con successo, grazie anche all’attendibile “passaparola”.

A Lipari, la maggiore delle isole, dove approdò Ulisse dopo essere sfuggito a Polifemo, Alexandre Dumas padre, che visitò le Eolie nell’autunno del 1835, si appassionò alla vicenda che Omero racconta nel suo diario di viaggio, ed annotò quanto successivamente accadde ai guerrieri viaggiatori: “…Eolo non si accontentò di accogliere Ulisse di festeggiarlo degnamente per tutto il tempo che lui e i suoi compagni restarono a Lipari; al momento della partenza gli regalò anche le otri dove erano rinchiusi i maggiori venti: Eurus, Auster e Aquilon.Ma sfortunatamente l’equipaggio del vascello che Ulisse guidava, cedette alla curiosità di vedere che cosa nascondevano quegli otri così gonfi e li aprì. I tre venti, felici di essere finalmente liberi dopo tanta prigionia, si lanciarono nel cielo con un grande colpo d’ali e organizzarono, per divertirsi un po’, una bella tempesta che in poco tempo distrusse la flotta di Ulisse che si salvò, solo, su una tavola…”

Un susseguirsi di calette e neri promontori, un tumultuare di faraglioni e di scogli. Viste dal cielo, assomigliano a uno sciame di scure farfalle o a una manciata di meteore cadute in quel tratto di mare tra Messina e Palermo, uno dei luoghi più celebri della terra, per la bellezza che esprime e per i miti cui ad esso si legano. In questo tratto di mare, ove ad un paesaggio ne segue un altro altrettanto sorprendente ed affascinate, dominati dai colori aspri della terra, da quelli scoppiettanti del fuoco, e da quelli cangianti del mare…Vi invitiamo a trascorrere una “vulcanica” settimana di trekking.

Arrivo e partenza: stazione FS di Milazzo o aeroporto Fontanarossa di Catania.

Periodo: da Marzo a fine Giugno; da fine Agosto alla metà di Novembre.

Numero partecipanti: da minimo 12 a massimo 40

Ore di cammino: dalle 4 alle 6 giorno

Le camminate: non presentano particolari difficoltà, le più impegnative sono la salita in notturna sullo Stromboli e l’escursione che da Salina porta su Monte Fossa delle Felci, la cima dell’Eolie. Si consiglia qualche escursione di allenamento prima di partire per il trekking.

Bagaglio: si cammina tutti i giorni con zaino leggero.

Durata del Trekking: 8 giorni / 7 notti.

Soggiorno: in albergo a Lipari e Stromboli. In alternativa all’albergo ed in base anche al periodo a Lipari è possibile soggiornare in campeggio, con bungalow di legno, situato a 10 mt dal mare.

Vitto: in ristoranti con cene a base di prodotti tipici, i pranzi al sacco saranno da noi curati a base di prodotti locali.

Contattateci per richiedere il programma dettagliato e/o personalizzato: info@naturaliterweb.it

Video Trekking Isole Eolie 2012: http://www.youtube.com/watch?v=ZCRlP-12uWg

PRENOTA IL TUO ITINERARIO

Pantelleria

Pantelleria: giardino di capperi e passito sotto il “Mediterraneo” cielo stellato!!

“ .. non credo che esista al mondo un luogo più consono per pensare alla Luna ”(Gabriel Garcia Marquez)

Introduzione: Abbiamo iniziato a proporre con successo questo trekking nel 2003. Nel 2009 abbiamo deciso di interromperne la pubblicizzazione con l’intento di risolvere alcune sopraggiunte problematiche con le strutture ricettive da noi utilizzate. Ci siamo ritornati nel 2014 e adesso siamo pronti a riprendere il nostro cammino nell’antica “Benth-El-Rhia”, una terra isolata ma bella, ricca di sole, zibibbo e…passito!

L’Isola, di origine vulcanica, sorge nel cuore del Mediterraneo, più vicina all’Africa, solo 70 Km. la dividono da Capo Mustafà (Tunisia), che alla Sicilia da cui dista circa 110 Km. Ha una estensione di 83 Kmq, ed è lunga 13,7 Km, la sua altezza massima culmina nella Montagna Grande a 836 metri s.l.m. Vista la sua posizione in passato è stata crocevia di molti popoli che le diedero nomi differenti. I Fenici la chiamarono Yrnm, i Greci Kosyras, trasformata in Cossura dai Latini. Per gli Arabi era Al-Quasayra, Kusirah, Quawsarah e poi Bent-elRhia, figlia del vento. I Bizantini chiamarono l’isola sia con l’antico nome di Cossyra, che con un nuovo appellativo, Pantelleria, con le sue varie forme: Pantalarea, Pantelarea, Pantalaria. Si può dedurre che nonostante la diversità dei popoli che hanno occupato l’isola nell’arco di millenni il concetto guida è “consacrazione dell’isola alla fecondità”.
Non ci dilunghiamo molto a raccontavi questo angolo del Mediterraneo ma vi invitiamo a trascorrere una settimana in cammino con selezionati percorsi tra natura e storia….a Pantelleria, in bilico tra Europa ed Africa, dove gli uomini un tempo avevano saputo costruire una società in perfetta armonia con la travolgente natura dell’isola!

Arrivo e partenza: aeroporto o al porto ( traghetto da Trapani in partenza tutti i giorni alle ore 23,00) di Pantelleria.

Numero partecipanti: minimo 15 / massimo 40

Ore di cammino: dalle 5 alle 6 ore al giorno su sentieri ben tenuti e strade bianche.

Bagaglio: si cammina tutti i giorni con uno zaino leggero.

Durata del Trekking: 8 giorni / 7 notti.

Periodo: da Marzo a Giugno e da Settembre a fine Ottobre.

Soggiorno: Hotel e/o in Dammusi (in base al numero dei partecipanti).

Vitto: cene a base di prodotti tipici presso ristoranti e agriturismi, pranzi al sacco a cura dell’organizzazione;

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati,abbigliamento comodo per camminare, zaino escursionistico e tutto l’occorrente per eventuali bagni al Mare.

Se interessati contattateci per richiedere il programma dettagliato e/o personalizzato: info@naturaliterweb.it

PRENOTA IL TUO ITINERARIO